Si scrive

dentifricie

tuttavia

dentifrice

Non è una forma errata, è solo sconsigliata.

La regola

I nomi femminili che, come dentifricia, al singolare finiscono in -cia, con i non accentata, al plurale possono comportarsi in due modi:

  • possono mantenere la i → plurale in -cie.
  • possono perdere la i → plurale in -ce.

Un escamotage per determinare se una parola ha il plurale in -ce o in -cie è questo:

  • se, nel singolare, -cia è preceduto da vocale (come nel caso di dentifricia), allora la parola ha plurale in -cie.
  • se, nel singolare, -cia è preceduto da consonante, allora la parola ha plurale in -ce.


Per cui:

Le parole come contumacia, pertinacia, sfiducia, passando al plurale mantengono la i:

  1. contumacia → plurale contumacie (mentre contumace è l’aggettivo singolare).
  2. pertinacia → plurale pertinacie (mentre pertinace è l’aggettivo singolare).
  3. sfiducia → plurale sfiducie.


Le parole come arancia, breccia, treccia, passando al plurale perdono la i:

  1. arancia → plurale arance.
  2. breccia → plurale brecce.
  3. treccia → plurale trecce.


Visto e considerato quanto detto, il plurale corretto di dentifricia è dentifricie.